PSICOLOGIA DELLE RELAZIONI FAMILIARI

Crediti: 
6
Settore scientifico disciplinare: 
PSICOLOGIA SOCIALE (M-PSI/05)
Anno accademico di offerta: 
2016/2017
Semestre dell'insegnamento: 
Secondo Semestre
Lingua di insegnamento: 

Italiano

Obiettivi formativi

Il corso si propone di stimolare l’apprendimento di modelli di studio e di
analisi dei processi interattivi e delle dinamiche relazionali in diverse
tipologie di famiglie che essendo fondati sui principi di pluralità,
complessità e multiprocessualità sono appropriati a mettere a fuoco le
specificità delle famiglie contemporanee. Si propone inoltre di mostrare come tali conoscenze possano essere applicate nella realtà professionale attraverso l’utilizzo di strumenti di indagine e di valutazione dello sviluppo. Infine il corso si pone l’obiettivo di favorire negli studenti autonomia di giudizio rispetto alle questioni teoriche affrontate e buona capacità di comunicare in merito agli aspetti indagati e appresi.

Prerequisiti

Conoscenze di psicologia dello sviluppo e di Psicologia sociale

Contenuti dell'insegnamento

Si parla spesso di “crisi della famiglia”. Possiamo davvero ritenere che la
famiglia non esista più o, piuttosto, che sia mutato il modo in cui gli
individui intendono il “fare famiglia”?
Nella società contemporanea stiamo assistendo, infatti, alla rapida
diffusione di diverse composizioni familiari in cui la coppia genitoriale può
non coincidere con quella coniugale, i confini spaziali con quelli affettivi, i
ruoli di genere con quelli familiari. Le famiglie possono inoltre essere
attraversate da differenze legate all’appartenenza culturale, e la
genitorialità non è necessariamente definita solo in termini biologici
(Fruggeri, 2005).
I processi relazionali legati a queste discontinuità costituiscono l’oggetto
principale dell’analisi che sarà sviluppata durante il corso. Ciò verrà
svolto riconsiderando in modo sistematico i modelli teorici di riferimento
nello studio delle famiglie contemporanee attraverso un confronto tra
ricerche svolte nel contesto nazionale e internazionale. Particolare
attenzione sarà inoltre dedicata all’approfondimento delle metodologie
utilizzate per lo studio dei processi e delle dinamiche interpersonali.

Programma esteso

Il corso si organizzerà in sezioni:
a) Teorie e modelli per lo studio delle famiglie
1) I modelli di studio del funzionamento delle famiglie contemporanee:
Dai modelli mono-dimensionali ai modelli multi-dimensionali, socio-
culturali e narrativi.
2) I processi di cambiamento delle famiglie: dai modelli del ciclo di vita ai
modelli delle micro-transizioni quotidiane.
b) Le metodologie per lo studio delle famiglie: metodi osservativi, self report e integrati
c) La molteplicità delle forme familiari: fare famiglia nelle diversità.
1) Le diverse forme del fare famiglia: dal singolare (single, separazione,
vedovanza) al plurale (ricomposte), famiglie omosessuali e
interculturali/miste.
2) Le diverse forme di genitorialità: da coniugi a genitori, la fecondazione
assistita, genitori affidatari e adottivi.
3) Fare famiglia in gruppo: forme del vivere comunitario (condomini
solidali, eco villaggi, co-housing); le comunità per minori.

Bibliografia

Fruggeri, L. (1998). Famiglie. Dinamiche interpersonali e processi psico-
sociali. Roma, Carocci. (1° parte)
Fruggeri, L. (2005). Diverse normalità. Psicologia sociale delle relazioni
familiari. Roma, Carocci.
Fruggeri,L. (2009) Osservare le famiglie, Carocci Editore
Cigala, A., Fruggeri, L., Molinari, L. (a cura di) (2011) Nucleo monotematico “Uno sguardo triadico alla video-analisi dei processi interattivi: teorie, metodi e linee di ricerca", Giornale di psicologia dello sviluppo, n. 99, pp. 69-99
*Ulteriori indicazioni bibliografiche (anche in lingua inglese) in merito a
specifici ambiti di ricerca e intervento con le famiglie verranno suggerite
durante lo svolgimento del corso.

Metodi didattici

Al fine di favorire l’acquisizione della capacità di applicazione delle conoscenze nella realtà, l’autonomia di giudizio e la capacità comunicativa, il
corso si articolerà in diversi moduli tematici che prevedono l’utilizzo di
lezioni frontali, lavori in sottogruppo, visione di filmati, incontri con
esperti che svolgono ricerche su temi specifici inerenti alle relazioni
familiari e che lavorano con le famiglie in diversi contesti socio-educativi

Modalità verifica apprendimento

La verifica prevede un esame orale che oltre a valutare le conoscenze e le competenze acquisite, permetterà di valutare l’autonomia di giudizio, la capacità di comunicare e di applicare le competenze alla realtà.